Wylab cerca progetti hi-tech sul mondo dello sport da finanziare

Federdat
By Federdat Marzo 30, 2017 17:28 Updated

Wylab cerca progetti hi-tech sul mondo dello sport da finanziare

Wylab, il primo e (per ora) unico incubatore per startup sportive in Italia ha lanciato la sua call for applications 2017. Vengono, dunque, chiamati a raccolta i progetti sul mondo dello sport che possono potenzialmente essere supportati e finanziati dal centro ideato e creato a Chiavari da Antonio Gozzi, imprenditore del settore siderurgico e presidente di Federacciai, nonché dell’Entella calcio.

Per rispondere c’è tempo fino al 24 aprile. Il nuovo programma ha l’obiettivo di supportare e inserire sul mercato iniziative imprenditoriali legate al mondo dello sport con un elevato tasso di innovazione e tecnologia. Per sottoporre la propria proposta occorre compilare il form presente sul sito wylab.net/applications e descrivere idea, prodotto o servizio, team, mercato di riferimento, business plan, competitor.

Un comitato di selezione, spiega una nota, «analizzerà tutte le domande pervenute: le startup più interessanti saranno quindi convocate al pitch day durante il quale potranno illustrare il proprio prodotto o servizio».

Se anche questo step verrà superato, scatterà il periodo di incubazione: quattro mesi in cui sviluppare le potenzialità del progetto, ricevere tutoring e assistenza e poter beneficiare di un finanziamento fino a 100mila euro dai business angels al termine del demo day previsto a settembre.

Le startup, prosegue la nota, saranno selezionate «tenendo conto di cinque elementi: innovatività dell’idea; potenziale economico; team; scalabilità; business plan».

Wylab è aperto a Chiavari dal 2016. Dopo la prima call for applications ha supportato lo sviluppo del business di 11 startup, finanziandone sei con importi fino a 100mila euro. «Le startup incubate – conclude la nota – possono vantare, ad oggi, contratti e rapporti con le più importanti e note aziende italiane nell’ambito dello sport e, in particolare, del calcio».

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Marzo 30, 2017 17:28 Updated