Sciopero Atm, al Salone del Mobile solo con il Passante

Federdat
By Federdat Aprile 5, 2017 10:00 Updated

Sciopero Atm, al Salone del Mobile solo con il Passante

Si attendono disagi alla circolazione a Milano, a causa dello sciopero di quattro ore (8,45-12,45) indetto per questa mattina dai lavoratori dell’Atm (l’azienda di trasporto pubblico locale). I visitatori diretti a Rho Fiera al Salone del Mobile possono unsare, in alternativa alla metropolitana, le Linee Ferroviarie Suburbane («Passante»): a Rho vannole linee S5 e S6.

«L’altro giorno – commenta Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano – davanti a Palazzo Marino mi son fermato a fare due chiacchiere con alcuni tranvieri presenti al presidio partecipatissimo che anticipava lo sciopero di oggi. E ho detto loro una cosa semplice: per me lo sciopero (di oggi) era ed è sbagliato. E non tanto per l’inevitabile prezzo del disagio arrecato. Quanto perché uno dei presupposti dello stesso non sta in piedi: nessuno vuole svendere Atm. Che deve restare in mano a Milano. E ci mancherebbe pure. Speriamo che riprenda il dialogo. La città ha bisogno del suo trasporto pubblico».

Nella tratta urbana è possibile prendere il Passante nelle stazioni: Certosa, Villapizzone, Lancetti, Porta Garibaldi Passante, Repubblica, Porta Venezia, Dateo e Porta Vittoria. Per info: www.trenitalia.com, www.trenord.it.

«Il sindaco Sala ritiri la delibera sullo spacchettamento dei servizi e vedrà che lo sciopero del 5 aprile verrà sospeso. Poi sediamoci al tavolo e discutiamo perché le delibere non si possono fare in barba al sindacato». Così due giorni fa Giovanni Abimelech, segretario generale della Fit Cisl Lombardia, aveva spiegato le ragioni della protesta. Dall’assessorato alla mobilità e all’ambiente spiegano però che la delibera in questione era impellente perché a fine aprile scade il contratto di servizio con Atm e quindi era necessario decidere se fare un bando di gara o un affidamento in house. A Milano il contratto di servizio comprende sia il trasporto pubblico che una serie di servizi che vengono definiti accessori, dal bike sharing fino alla sosta. Nella delibera, fondamentale per fare la proroga del contratto di servizio, viene indicata la possibilità di di tenere separato il trasporto publbico dai servizi accessori. I sindacati chiedono invece che tutti i servizi facciano parte di un unico lotto

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Aprile 5, 2017 10:00 Updated