Piccole e medie imprese, serve liquidità: necessari 15 miliardi nei prossimi tre mesi

redazione
By redazione 20 Marzo, 2020 10:23

L’emergenza Coronavirus sta mettendo a dura prova l’economia mondiale ma nel nostro paese a subire una grande sofferenza sono e saranno soprattutto le piccole e medie imprese. Alla crisi derivante da emergenza sanitaria conseguirà una necessità di risorse liquide.

Secondo uno studio dell’Osservatorio Cribis e della piattaforma Workinvoice sul Working Capital, riportato dal Sole 24 ore, servirà una liquidità di almeno 15 miliardi nei prossimi 3 mesi, secondo una verifica effettuata su un campione di 84mila pmi. Il fabbisogno di credito annuale si attesterebbe intorno ai 45 miliardi. L’impatto dell’emergenza sul capitale circolare sarebbe tra i 10 e i 19 miliardi.

Effetto Coronavirus

Il calcolo complessivo, come immaginabile, riguarderebbe l’allungamento dei tempi di incasso e pagamento collegato all’effetto economico determinato dall’emergenza Covid-19. Secondo un’analisi di Crif Ratings, il fabbisogno finanziario complessivo per tutto il 2020 arriverebbe, come anticipato, a 45 miliardi. Il 50% del fabbisogno è relativo alle imprese della Lombardia (27% del campione), del Veneto (12%) e dell’ Emilia Romagna (10%), in quanto regioni più colpite dall’emergenza Covid-19.

I responsabili dello studio stanno già segnalando i primi ritardi di incassi rispetto ai termini concordati, per tale motivo un peggioramento è atteso. Un peggioramento che evidenzia la necessità di massimo sostegno alle PMI da parte del governo, da parte di tutti.

redazione
By redazione 20 Marzo, 2020 10:23