Piccole e medie imprese: contributi a fondo perduto per imprese in provincia di Ravenna

redazione
By redazione Gennaio 26, 2022 10:44

È da segnalare un nuovo, interessante bando a sostegno della creazione di nuove imprese in provincia di Ravenna, nato nell’ambito delle iniziative promozionali volte a favorire lo sviluppo del sistema economico locale, sostenere la creazione di nuove imprese, anche attraverso il fenomeno dei Workers buyout (WBO), cioè l’acquisizione di un’impresa, o parte di essa, da parte dei dipendenti con la conseguente costituzione di una cooperativa. In totale sono 200.000 euro le risorse stanziate.

Fino alle ore 19.00 di lunedì 31 gennaio 2022, le neo imprese con sede e/o unità locale in provincia di Ravenna potranno presentare domanda alla Camera di commercio per ottenere un contributo a fondo perduto, fino a un massimo di 5.000 euro, per programmi di investimento e di crescita dell’attività aziendale. L’entità massima dell’agevolazione non potrà superare il 50% delle spese ammissibili, che non potranno essere inferiori ad euro 2.000,00.

Alle imprese giovanili o femminili verrà riconosciuta una premialità di euro 250,00 nel limite del 100% delle spese ammissibili e nel rispetto dei pertinenti massimali de minimis. Beneficiarie dei contributi della Camera di commercio, sono le micro, piccole e medie imprese attive, iscritte al registro imprese a partire dall’1 gennaio 2021, che abbiano sede legale e/o unità locali nella provincia di Ravenna, in possesso di DURC regolare ed in regola con normative sulla salute e sicurezza sul lavoro e con il pagamento del diritto annuale.

Le domande di contributo, il cui bando è pubblicato sul sito della Camera di commercio www.ra.camcom.gov.it, dovranno essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, attraverso la piattaforma Webtelemaco di Infocamere (http://webtelemaco.infocamere.it/Servizi e-gov) e quelle considerate ammissibili accederanno al contributo in ordine all’ammontare maggiore complessivo delle spese ammissibili regolarmente documentate fino all’esaurimento delle risorse disponibili.

redazione
By redazione Gennaio 26, 2022 10:44