Parte il piano dell’Enel per i nuovi contatori

Federdat
By Federdat Aprile 12, 2017 08:25 Updated

Parte  il piano dell’Enel per i nuovi contatori

L’Autorità per l’energia ha approvato l’ultima delibera che mancava nell’iter che consente al gruppo Enel di avviare il piano di sostituizione dei contatori con misuratori di nuova generazione. La pubblicazione del documento è avvenuta ieri sera e fissa retroattivamente al primo gennaio 2017 la data a partire dalla quale Enel può iniziare la sostituzione. Il gruppo guidato da Francesco Starace può ora ufficialmente partire con il piano che prevede, solo per quest’anno, l’istallazione di 1,8 milioni di misuratori nuovi al posto di quelli di prima generazione, per arrivare a cambiarne 32 milioni entro il 2021 (oltre 40 milioni entro il 2031).

L’ultima delibera si concentra sull’individuazione di un costo benchmark per la sostituzione di ogni singolo contatore: il meccanismo introdotto con la delibera prevede che, fatto ad esempio 100 il costo di ogni pezzo (è stimato che ogni sostituzione costa 94 euro), se l’utility riuscirà a spendere meno, la quota risparmiata per l’80% sarà restituita sotto forma di minori tariffe in bolletta per il consumatore, e il 20% sarà assegnato all’azienda come incentivo per l’efficienza.

IL PIANO ANNUALE
Installazioni dei nuovi contatori elettronici Open Meter. In milioni di unità. (Fonte : Autorità dell’Energia; e-distribuzione)

Il via libera alla delibera porta con sè l’ok anche al piano, della durata complessiva di 15 anni, presentato dall’utility alla fine dello scorso anno e che prevede tra il 2018 e il 2022 la fase più intesa delle sostituzioni, con punte fino 6 milioni di pezzi cambiati per anno. La decisione dell’Autorità ha però introdotto alcuni correttivi rispetto a quanto proposto dall’azienda: l’investimento complessivo previsto – da ribaltare nell’ammortamento in bolletta elettrica – è stato tagliato da 4,4 a 3,8 miliardi. E ancora: è stato chiesto all’azienda un impegno ulteriore sulle funzioni aggiuntive consentite dai nuovi contatori. Oltre alla rendicontazione dei consumi che consentono letture precise e in tempi più ravvicinati, i misuratori permettono un’interazione tra il cliente e il fornitore per conoscere i consumi in tempo reale (Chain2). L’Autorità ha chiesto e ottenuto da e-Distribuzione (Enel) l’impegno a garantire un monitoraggio costante sul funzionamento di questi servizi. Tra l’altro, questa funzione, per essere implementata, richiederà ancora qualche mese e per questo motivo è stato stabilito che per il 2017 e-Distribuzione non potrà beneficiare del recupero di efficienza legato al miglioramento della performance dei costi rispetto al benchmark.

Il progetto varato da Enel è stato autorizzato dall’Autorità solo a patto che l’investimento necessario non comportasse costi aggiuntivi in tariffa rispetto a quanto oggi pagato per ammortizzare i precedenti contatori: il peso resterà in media pari a 17 euro all’anno, rispetto a un peso medio della bolletta per ogni famiglia pari a 500 euro. L’Autorità, in ogni caso, ha previsto per meccanismi per disincentivare la sostituzione dei vecchi contatori il cui investimento non sia ancora stato ammortizzato in bolletta.

Nel frattempo già si guarda al futuro. L’Autorità sta valutando l’opportunità di aprire, presumibilmente entro il mese di maggio, un nuovo procedimento per valutare i requisiti che i contatori di nuova generazione dovrebbero adottare alla luce dell’evoluzione tecnologica. La decisione di procedere in questo senso, in ogni caso, dovrà essere adottata con uno specifico provvedimento, anche se l’intenzione di riservarsi un ulteriore approfondimento sulle prospettive offerte dalla tecnologa l’Autorità l’aveva già espressa lo scorso anno, quando era stata varata la prima delibera sui misuratori di nuova generazione.

LE IMPRESE
Livello di tensione. Totale clienti domestici 7.450.490 unità. (Fonte : Autorità dell’Energia; e-distribuzione)

I nuovi requisiti riguardano funzioni aggiuntive che i contatori potrebbero fornire oltre ai dati sui consumi per la fatturazione della bolletta. Aspetto sul quale aveva molto insistito Tim nei mesi scorsi. Qualora dovesse essere stabilità l’efficacia, sicurezza e precisione di nuove requisiti le utility che adottano nuovi contatori dovranno adeguarsi anche se il piano di sostituzione è in corso (ovviamente per i dispositivi ancora da istallare). I contatori adottati da Enel, in ogni caso, possono essere integrati in modo modulare senza la necessità di realizzare nuovi misuratori.

LE FAMIGLIE
Classe di potenza. Totale clienti domestici 29.355.000 unità. (Fonte : Autorità dell’Energia; e-distribuzione)

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Aprile 12, 2017 08:25 Updated