Milano, no finale del Comune al progetto di Vitali per il Portello

Federdat
By Federdat Maggio 10, 2017 21:58 Updated

Milano, no finale del Comune al progetto di Vitali per il Portello

Il Comune di Milano dice no definitivamente al progetto Milano Alta per la riqualificazione dell’area del Portello di Milano, proposto dal gruppo Vitali-Stam. Erano mesi che tra i vertici di Palazzo Marino e il raggruppamento di imprese si parlava, con un lungo tira e molla, di possibili miglioramenti della proposta architettonica, con tanto di critiche, lettere e tentativi di recuperare l’idea iniziale di un centro commerciale e multifunzionale, dotato di una pista ciclabile rialzata, per un investimento di 250 milioni su una superficie di 56mila metri quadrati.

Ora è chiaro che né alla Fondazione Fiera Milano, proprietaria dei terreni e dei 2 padiglioni da ristrutturare, né all’assessorato all’Urbanistica piace l’idea di Vitali, che si era aggiudicato la gara come secondo arrivato dopo la società calcistica Milan, ritiratasi poco tempo dopo aver proposto la costruzione di un nuovo stadio (con tanto di accordo legale per risarcire l’ente fieristico).
Qualche settimana fa l’amministrazione comunale aveva chiesto cambiamenti al progetto di Vitali-Stam; cambiamenti che poi sono arrivati ma ritenuti insufficienti. Quindi nella lettera inviata ieri sera dal Comune di Milano al raggruppamento di imprese si legge che «Fondazione Fiera non ha dato alcun formale riscontro alla comunicazione»… «e a seguito di verifica delle integrazioni presentate, si è verificato che le stesse contengono impegni su cessioni, asservimenti e altri obblighi che solo il proprietario dell’area può garantire».

Infine, spiega ancora il documento, «Fondazione Fiera ha esplicitato all’amministrazione di non ritenere valido il contratto con Milano Alta e sarà facoltà della proprietà di presentare un nuovo studio di coordinamento progettuale unitario».

Quindi: «L’esame si intende concluso con esito negativo».

Il quartiere che dovrà essere la vetrina della città per chi arriva da Nord non ha ancora trovato una sua identità, dopo un dibattito già iniziato con la giunta Pisapia.

Irritazione nel gruppo Vitali, che ieri sera ha inviato una nota: «La verità è venuta a galla — dice il presidente Massimo Vitali — la lettera conferma che il Comune respinge il progetto esclusivamente a causa dell’assenza di controfirma da parte di Fondazione Fiera; nessuna critica al progetto in sé. L’ente ha violato gli accordi». Si prevedono scontri legali.

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Maggio 10, 2017 21:58 Updated