La romana Mash3DFactory vince il primo «hackathon» italiano dell’illuminazione

Federdat
By Federdat Luglio 13, 2017 08:17 Updated

La romana Mash3DFactory vince il primo «hackathon» italiano dell’illuminazione

Si chiama Project Your Life il progetto della start up romana Mash3DFactory che ha vinto LightHackers, il primo hackathon realizzato in Italia nel settore dell’illuminotecnica, organizzato da iGuzzini Illuminazione in collaborazione con Ernst&Young. Attraverso la digitalizzazione della light experience di iGuzzini in ambiente web e la creazione di una sorta di ponte con la realtà aumentata, i progettisti sono in grado di applicare la luce delle diverse soluzioni iGuzzini in ambienti 3D con un impatto ancora più efficace, rispetto a quanto realizzato nei progetti 2D.

Il progetto vincitore è stato immediatamente implementato dall’azienda recanatese.

«L’iniziativa di aprire per la prima volta le porte del nostro settore all’open innovation attraverso un hackathon – ha spiegato il presdiente Adolfo Guzzini -, si inserisce in un programma ampio, volto a fare continua innovazione e contribuire al progresso tecnologico nel settore dell’illuminotecnica». Sono stati 23 gli start-upper che hanno presentato 35 proposte attraverso una piattaforma online sviluppa da EY e solo 8 di loro sono stati ammessi alla fase finale dell’hackathon: Mash3DFactory di Roma, FunnyGain di Dogana di San Marino, Home Suite Home di Pescara, Emoj, Wi Sense e binUp di Ancona, Almadom.us di Bergamo e Geolumen, Benevento.

I finalisti hanno lavorato per due giorni e senza pause a stretto contatto con mentor, contributor di iGuzzini ed esperti del settore, in una sfida non-stop per interpretare il challenge: dar vita ad un progetto di open innovation, in grado di favorire l’identificazione nel brand iGuzzini e offrire ai clienti business e consumer una user experience superiore, attraverso l’applicazione di nuove tecnologie, quali IoT, machine learning, blockchain, virtual/augmented reality, robotica e sensoristica avanzata, e metodologie social analogiche e digitali e strumenti di marketing.

«Genialità e metodo» sono due delle parole chiave di questa prima edizione; la terza è contaminazione: secondo Marco Grieco, med advisory CPR Industry Leader di EY, «questo evento è la dimostrazione che la collaborazione tra realtà che mettono a fattor comune genialità di estrazioni diverse porta ad ottenere soluzioni brillanti e concretizzabili a breve termine: ora la sfida è andare avanti e continuare in questo importante percorso di innovazione».

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Luglio 13, 2017 08:17 Updated