La Rivoluzione delle 37 Ore Lavorative in Banca

Giuseppe Cozzolino
By Giuseppe Cozzolino Giugno 1, 2024 07:17

La Rivoluzione delle 37 Ore Lavorative in Banca

Nel mondo bancario è in corso una rivoluzione che vede l’arrivo delle 37 ore di lavoro settimanali. L’iniziativa è stata avviata da importanti istituti, con UniCredit che si è distinta come pioniera nell’implementazione dell’orario ridotto. Questo cambiamento è stato stabilito attraverso il nuovo contratto collettivo nazionale firmato da Abi e dai sindacati di categoria lo scorso novembre, con un accordo che coinvolge tutte le sigle sindacali del settore.
In seguito all’iniziativa intrapresa da UniCredit, anche Intesa Sanpaolo ha aderito all’accordo per la riduzione di 30 minuti dell’ orario di lavoro settimanale. Le parti coinvolte hanno concordato come attuare la riduzione di 30 minuti dell’ orario di lavoro, come indicato dall’articolo 19 che ha modificato l’articolo 104 del contratto Abi. Quest’ultimo prevede che, a partire dal primo luglio 2024, sia riconosciuta una riduzione aggiuntiva di 30 minuti dell’orario settimanale per i dipendenti bancari, portando l’orario settimanale complessivo a 37 ore.
Tanto UniCredit quanto Intesa Sanpaolo hanno stabilito che i dipendenti a tempo pieno termineranno la propria settimana lavorativa mezz’ora prima ogni venerdì a partire dal 1° luglio. Per i dipendenti part-time, al momento non sono ancora state definite le modalità di fruizione, poiché si attendono indicazioni uniformi da Abi e dalle segreterie generali.
Nel caso di dipendenti con orario misto, presso UniCredit, nelle settimane in cui lavorano 36 ore non sarà prevista alcuna riduzione oraria, mentre in quelle in cui lavorano 37 ore e 30 minuti, termineranno mezz’ora prima il venerdì. Questo accordo sulla riduzione dell’ orario di lavoro, mantenendo inalterata la retribuzione, è considerato importante per il segretario nazionale della Fabi, Giuliano Xausa, poiché si posiziona tra i primi nel settore bancario, fungendo da esempio per altre banche.
È essenziale, secondo la Fabi, che la riduzione dell’orario sia effettivamente fruibile da tutti i dipendenti, con particolare attenzione a coloro che lavorano in filiale, e che si definisca al più presto con Abi l’impatto di tale riduzione per i dipendenti part-time. Francesco D’Agostino, coordinatore nazionale della Fisac Cgil UniCredit, sottolinea che, oltre agli aspetti numerici e temporali, l’approccio mira a valorizzare il benessere lavorativo, trasformando la riduzione dell’orario in un maggior valore della prestazione e in una migliore organizzazione del lavoro.
Per Sabrina Brezzo, segretaria nazionale della First Cisl, è auspicabile che si aprano anche nuove forme di partecipazione, essenziali per gestire il cambiamento e promuovere la sostenibilità sociale. La storia delle relazioni industriali, che ha permesso di raggiungere importanti accordi anticipati su tematiche delicate, deve evolversi di pari passo con le nuove esigenze dei dipendenti di UniCredit.

Maggiori approfondimenti: https://www.ilsole24ore.com/art/unicredit-fa-apripista-sull-orario-ridotto-banca-AGT145J

Giuseppe Cozzolino
By Giuseppe Cozzolino Giugno 1, 2024 07:17