Il master in risorse umane che conquista il “bollino” internazionale

Federdat
By Federdat Giugno 9, 2017 17:46 Updated

Il master in risorse umane che conquista il “bollino” internazionale

Bologna Business School conquista l’accreditamento internazionale Epas per il master in Risorse umane e organizzazione, un riconoscimento ottenuto da soli sette master, su questi temi, in tutto il mondo. Un marchio di qualità con il quale la scuola dell’Università di Bologna entra nell’Olimpo della formazione manageriale. L’accreditamento Epas è rilasciato dall’Efmd, il più importante organismo mondiale del settore. E valuta, secondo standard internazionali, la qualità di programmi aziendali e gestionali con una prospettiva globale per verificarne il livello di eccellenza non solo sotto il profilo dell’organizzazione ma anche per quanto riguarda il rigore accademico e la rilevanza pratica. In Italia ha ottenuto l’accreditamento Epas anche il master in in Insurance and Risk Management della Mib Trieste School of Management.

Il master che ha ottenuto il riconoscimento è uno dei 30 (a cui si aggiungono 15 open program) proposti dalla scuola di alta formazione bolognese e, diretto da Gabriele Morandin, è il frutto della collaborazione tra l’Alma Mater, l’Università di Ferrara e quella di Modena e Reggio Emilia. Negli ultimi due anni ha portato a Bologna 52 studenti immatricolati provenienti da trenta Paesi, con un tasso di occupazione elevato al termine del periodo di formazione. I partecipanti trovano collocazione professionale prevalentemente nella direzione del personale di imprese medie e grandi sia in Italia che all’estero. Per il rilascio dell’accreditamento Epas viene considerata una vasta gamma di aspetti, tra i quali il contesto istituzionale in cui si inserisce un programma di formazione, gli obiettivi di apprendimento previsti, il processo di progettazione, la valutazione dei requisiti degli stakeholder, a partire dagli studenti e dai datori di lavoro.

Per il riconoscimento vengono anche valutati l’originalità e la coerenza dell’approccio didattico, le risorse che sono destinate dall’istituzione alla realizzazione del master, l’adeguatezza della facoltà che fornisce il programma e il legame con le imprese. «Questo riconoscimento non è un punto di arrivo ma un trampolino di lancio», dice Massimo Bergami, dean di Bologna business School. «Continueremo a investire con passione e impegno – prosegue Bergami – per servire le persone e le imprese a partire dall’Emilia Romagna». Con una media di 600 partecipanti all’anno, dalla sua nascita la scuola ha formato oltre 7.500 studenti.

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Giugno 9, 2017 17:46 Updated