I Led iGuzzini svelano il volto notturno del Teatro di Taormina

Federdat
By Federdat Giugno 30, 2017 09:36 Updated

I Led iGuzzini svelano il volto notturno del Teatro di Taormina

Per la prima volta nella sua storia, il Teatro di Taormina svela il suo volto anche di notte, grazie a un sistema di illuminazione che prevede circa 120 apparecchi Led di ultima generazione (a ridotto impatto visivo) e circa 500 metri di luce Underscore InOut, realizzato e fornito dall’azienda marchigiana iGuzzini. Il progetto è reso possibile grazie al sostegno del Gruppo Metaenergia e dal Dipartimento Beni culturali e identità siciliane, al lavoro per valorizzazione e riqualificazione energetica del sito archeologico.

L’intervento infatti consentirà non solo di aprire al pubblico il teatro anche dopo il tramonto, ma anche di ridurre i consumi energetici dell’80% rispetto all’impianto precedente, con un conseguente contenimento dei osti di gestione del sito.

Il progetto – come ha spiegato Roberto Sannasardo, Energy Manager dell’assessorato regionale ai Beni culturali e identità siciliana – si inserisce all’interno di una strategia più ampia del dipartimento, volta non solo ad adempiere agli obblighi di legge, ma anche e soprattutto a promuovere il tema del risparmio e dell’efficientamento energetico nel settore dei beni culturali della Regione Sicilia, come già attuato con le medesime procedure con il relamping led della Valle dei Templi di Agrigento».

Per l’interno del Teatro Antico sono stati scelti apparecchi di illuminazione a ridotto ingombro visivo, capaci di dialogare con l’architettura del complesso archeologico valorizzandone la bellezza, senza imporsi. Tutte le sorgenti luminose selezionate per l’intervento hanno temperatura di colore pari a 2.900-3.000 K, con ridotto impatto ambientale.

«Siamo orgogliosi di aver messo a disposizione della collettività la nostra competenza ed esperienza nel settore del lighting per questo importante progetto volto alla tutela e alla valorizzazione, attraverso la luce, di un patrimonio artistico di grande rilievo storico-culturale – ha commentato l’ad di iGuzzini, Andrea Sasso –. Da oltre 20 anni la nostra azienda mette a disposizione la propria cultura della luce e i propri apparecchi all’interno di progetti internazionali che consentono alle persone di meglio apprezzare luoghi iconici e opere artistiche nel mondo».

Soddisfatto anche Maurizio Molinari, presidente del Gruppo Metaenergia: «Riuscire a integrare soluzioni di efficienza energetica più innovative a favore di progetti che valorizzano il patrimonio culturale italiano è un risultato che ci rende particolarmente orgogliosi – ha affermato –. Abbiamo adottato soluzioni progettuali capaci di rispondere perfettamente alle esigenze estetiche e funzionali del teatro, oltre che ai requisiti normativi richiesti».

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Giugno 30, 2017 09:36 Updated