Export extra-Ue corre un po’ meno: +8,2% su anno ma -1,6% su mese

Federdat
By Federdat Luglio 24, 2017 11:33 Updated

Export extra-Ue corre  un po’ meno: +8,2% su anno ma -1,6% su mese

Corre un po’ meno. Ma corre ancora l’export italiano extra-Ue.
Secondo l’Istat, a giugno 2017, le esportazioni verso i Paesi fuori dalla galassia europea si confermano in aumento dell’ 8,2% rispetto allo stesso mese di un anno fa, così come del +9,1% è l’aumento nel semestre gennaio-giugno di quest’anno rispetto all’analogo periodo 2016. L’inciampo è pero sul dato mensile. Come certifica l?sitituto nazionale di Statistica, a giugno – rispetto a maggio – le esportazioni del “Made in Italy” risultanto in flessione (-1,6%) e ancora di più le importazioni (-5,3 per cento).

Non solo. Anche il trimestre (aprile-giugno) rispetto al precedente (gennaio-marzo) vede il primo dato negativo (-1,5%) sul tre mesi. Non si vedeva segno meno dall’inizio del 2016 (quando la contrazione era stata
del 2,7%). Nubi passeggere o destinate a rallentre la corsa? Difficile prevederlo. Quello che è chiaro è che a giugno ci sonop comunque 8,2 miliardi di euro in più nei primi 6 mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2016.

Il dato annuo per settorie Paesi
Guardando il dato con la lente della crescita annua, rispetto a giugno 2016, l’aumento più marcato ri registra soprattutto per l’energia
(+20,6%), e per i beni di consumo durevoli (+11,1%) e di intensità minore per i beni intermedi (+7,5%) e i beni strumentali (+7,4%). Anche l’import è in crescita (+12%), sulla spinta principalmente dei beni di consumo durevoli (+26,8%) e dall’energia (+21,5%).

A spingere sono soprattutto le esportazioni verso Cina (+32,9%), Russia (+26,8%), Stati Uniti (+12,4%) e Turchia (+4,4%), che proseguono l’incremento, accelerando rispetto al tasso di crescita rilevato dall’inizio dell’anno. Ma la dinamica positiva (anche se inferiore ai tassi rilevati a inizio anno) riguarda anche le vendite verso i paesi Mercosur (+18,9%), i paesi Asean (+8,6%) e il Giappone (+4,2%). La flessione delle vendite è evidente, invece, nell’area Opec (-2,8%).

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Luglio 24, 2017 11:33 Updated