Emilia Romagna, attivati i nuovi tirocini per il lavoro

Raffaele Perrotta
By Raffaele Perrotta Marzo 23, 2017 09:55

Sono stati attivati i nuovi tirocini, per l’inserimento o il reinserimento al lavoro, in Emilia Romagna. Dopo Lazio, Piemonte e Campania, anche nella Regione romagnola Federdat, quale soggetto promotore, si occuperà di tutti gli adempimenti come la predisposizione della convenzione tra soggetto promotore e ospitante e l’organizzazione del progetto formativo.

L’accordo è stato raggiunto dopo l’iscrizione ed abilitazione al Sare (il sistema informatico regionale) che serve per la gestione online delle comunicazioni obbligatorie, utili per ottenere le autorizzazioni necessarie.

Il numero dei tirocinanti è proporzionale ai dipendenti dell’azienda (1 per i primi 5 lavoratori, 2 tirocinanti se gli assunti sono massimo 20, o il 10 per cento con un’occupazione superiore) e la stessa potrà scegliere la persona da avviare al lavoro e il corrispettivo da dare al tirocinante (a partire da un compenso minimo di 450 euro). Il tirocinante sarà coperto da responsabilità civile verso i terzi e da assicurazione Inail per infortuni sui luoghi di lavoro.

Inoltre, per l’intero periodo del tirocinio l’impresa non dovrà versare contributi previdenziali ed assistenziali, mentre il tirocinante non matura ferie, permessi e tfr.

Raffaele Perrotta
By Raffaele Perrotta Marzo 23, 2017 09:55
Scrivi un commento

Nessun Commento

Ancora Nessun Commento

Non ci sono ancora commenti ma tu puoi essere il primo.

Scrivi un Commento

Solo gli utenti iscritti possono commentare.