Decreto sostegni 2021: nuove risorse per imprese, lavoratori e amministratori

redazione
By redazione Marzo 22, 2021 12:31

È finalmente arrivato il “Decreto Sostegni”, approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta di venerdì 19 marzo 2021. Era molto atteso questo provvedimento, di carattere economico, contenente importanti risorse in diversi settori di intervento. Scopriamo le misure più importanti.

La prima riguarda la cancellazione delle vecchie cartelle esattoriali fino a 5mila euro tra il 2000 e il 2010 per coloro che rientrano in un tetto di reddito di 30mila euro. Rate e nuove cartelle esattoriali sono sospese fino al 30 aprile ed è prevista una sanatoria ad hoc per le partite Iva in difficoltà. Contributi a fondo perduto per le imprese con un fatturato fino a 10 milioni e nel 2020 perdite medie mensili del 30% rispetto al 2019. Gli aiuti vanno dai 1.000 euro destinati alle persone fisiche fino a 150mila euro.

Le grandi aziende in crisi ma con prospettive di ripresa possono possono ricevere finanziamenti agevolati da restituire in 5 anni grazie ad un Fondo istituito presso il Mise. Prorogata per tutto il 2021 l’integrazione salariale della cigs per i lavoratori ex Ilva.

Sul fronte lavoro, confermata la proroga del blocco dei licenziamenti a giugno, e fino a ottobre per le aziende che usano la cassa integrazione Covid. Le aziende con cassa integrazione ordinaria possono chiedere 13 settimane tra aprile e giugno per Covid, senza contributo addizionale. 1,5 miliardi riguardano l’esonero dei contributi previdenziali dovuti da autonomi e professionisti. Possibile rinnovare o prorogare i contratti a tempo determinato senza causale fino al 31 dicembre.

Previsto un rifinanziamento del reddito di cittadinanza per 1 miliardo e tre nuove mensilità del reddito di emergenza alle famiglie (1,52 miliardi). Il decreto prevede anche una tantum di 2.400 euro per lavoratori stagionali, del turismo, termali e dello spettacolo che hanno perso il posto, e per quelli dello sport da 1.200 a 3.600 euro.

Oltre 4,5 miliardi sono invece destinati alla lotta al Covid per acquistare vaccini, farmaci e per portare avanti il lavoro della macchina organizzativa sanitaria. Oltre 3 miliardi riguardano gli enti locali. Al comparto turismo arrivano sostegni per 1,7 miliardi mentre al settore cultura 400 milioni di euro in più. Alla scuola vanno 300 milioni riguardanti il recupero delle competenze e della socialità durante l’estate e gli aspetti più sanitari. Attivato un fondo di 200 milioni per imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura, 250 milioni per il comparto fieristico.

redazione
By redazione Marzo 22, 2021 12:31