Creata in Italia l’app per connettere i medici di tutto il mondo

Federdat
By Federdat Giugno 28, 2017 07:31 Updated

Creata in Italia l’app per connettere i medici di tutto il mondo

Trasformare la comunità dei medici in un socialnetwork professionale e specialistico, mescolando le caratteristiche di Whatsapp, Instagram, Facebook, Linkedin. Favorendo, in questo modo, lo scambio di pareri tra colleghi, l’aggiornamento professionale, ma anche il recruitment. Sono gli obiettivi, ambiziosi, dell’applicazione per smartphone InEquipe, appena lanciata sul mercato e che i medici possono scaricarsi gratuitamente dall’App store: per ora la versione iOs (apple), a breve anche quella per ambienti Android. Per arrivarci ci sono voluti due anni di lavoro da parte della start up SocialMedica, creata da Luca Damiano, ceo, Michael Frassi, cto, e Erika Bonimini, financial.

Parlando di app e di web, non ci sono teoricamente confini e l’applicazione è infatti pensata per la comunità medica internazionale: disponibile in più lingue e con l’inglese per la comunicazione a livello internazionale. Il meccanismo ricalca quello dei social network: una schermata generale dove sono visibili tutti i casi clinici dei contatti nella propria cerchia d’interessi e un profilo personale professionale, che presenta curriculum vitae, pubblicazioni, best practice e case report dell’utente.

«Vogliamo dare vita a una catena di equipe mediche collegate tra loro a livello internazionale – chiarisce Luca Damiano –. Una connessione di tipo multidisciplinare, che contribuisca all’accrescimento della conoscenza individuale e collettiva». L’app si ispira al modello «di lavoro della Brest Unit, quindi – prosegue il ceo di SocialMedica –, oltre a connettersi a medici in tutto il mondo, è possibile creare cerchie di lavoro, in cui i medici collaborano per la risoluzione di un caso specifico». Accanto agli aspetti più “social” l’applicazione prevede funzioni mirate all’incontro tra domanda e offerta di lavoro, come i curricula on line, accessibili alle aziende ospedaliere che ne facciano richiesta e che a loro volta possono richiedere specifiche figure.

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Giugno 28, 2017 07:31 Updated