Costa Smeralda. I falsi arrivano anche sulle spiagge dei vip

Federdat
By Federdat Agosto 5, 2017 16:59 Updated

Costa Smeralda. I falsi arrivano anche sulle spiagge dei vip

Le merci contraffatte arrivano anche nelle spiagge dei vip in Costa Smeralda. Dagli orologi alle borse, continuando con gli accessori e l’abbigliamento. Un giro d’affari tutt’altro che irrilevante, che non risparmia neppure le zone frequentate dai turisti più facoltosi. Non è un caso, come spiega la Guardia di Finanza di Olbia, che i giorni scorsi siano stati sequestrati nell’ambito di un’operazione mirata oltre 1.500 articoli, tra cui borse, cinture e bigiotteria che imitano prestigiose marche come Chanel, Louis Vuitton, Gucci, Prada, e orologi Rolex e Patek Philippe.

«Si tratta di elementi contraffatti con un alto valore e con una certa cura, oggetti di una qualità superiore rispetto ai normali pezzi contraffatti — spiega il maggiore della Guardia di finanza Marco Salvagno, comandante provinciale di Olbia. — Basti pensare che questi falsi hanno dettagli curati come le fodere delle borse e i bottoni interni, o ancora i cartellini con certificati di autenticità e codici a barre falsificati».
Non solo: «Come i prodotti originali, anche quelli sequestrati riportavano il marchio su tutta la minuteria presente, ivi compresi i preziosi lucchetti e le cerniere interne».

Quanto al valore delle merci sequestrate l’ufficiale delle fiamme gialle fa un esempio: «Una borsa di questo livello viene venduta a circa 500 euro».

Uno degli accessori falsi sequestrati dalla Finanza: la qualità della contraffazione arriva ai dettagli delle etichette numerate e del marchio sul lucchetto.

Le operazioni, che si sono concluse con la denuncia di dieci persone (sette senegalesi, un bengalese e due nordafricani, accusati di contraffazione e ricettazione), rientrano nell’ambito di un dispositivo operativo predisposto dal Comando Provinciale di Sassari e finalizzato a contrastare il commercio di prodotti contraffatti che, argomenta Salvagno «quotidianamente vengono ceduti sulle bellissime spiagge della Costa Smeralda. La vendita di questi prodotti danneggia il mercato e alimenta la criminalità organizzata».

© Riproduzione riservata

Argomenti:
Federdat
By Federdat Agosto 5, 2017 16:59 Updated