Commercio con l’estero: nel 2021 l’export sale del 18,2%

redazione
By redazione Febbraio 18, 2022 12:36

Il 2021 mostra il segno positivo per quanto riguarda le esportazioni. L’export risulta infatti in forte espansione, del 18,2%, salendo ai livelli superiori a quelli del 2019. È aumentato invece del 24,7% l’import rispetto sempre ai dati registrati in quell’anno. A comunicarlo è l’Istat, che ha diffuso i dati sul commercio estero e i prezzi all’import. Questi ultimi sono cresciuti del 9,0%, segnando la crescita più alta dal 2005. Una flessione congiunturale per le esportazioni (-1,1%) è stata stimata a dicembre scorso così come si è previsto un aumento per le importazioni (+7,5%).

Nell’ultimo trimestre del 2021, l’export è cresciuto del 2,4% rispetto al trimestre precedente, mentre l’import è cresciuto del 7,5%. A contribuire all’aumento tendenziale dell’export nel 2021 ci sono i prodotti petroliferi raffinati (+82,2%) mentre hanno subito un calo le vendite di autoveicoli (-1,5%). Il grosso delle esportazioni italiane si rivolge verso Stati Uniti (+32,5%), Germania (+18,1%), Francia (+15,3%), paesi Opec (+32,0%) e Belgio (+31,4%).

La stima del saldo commerciale a dicembre 2021 è pari a +1.103 milioni di euro, in calo rispetto a dicembre 2020 (+6.790). Un segnale importante, quello dell’aumento delle esportazioni ai livelli pre-pandemia, la cui analisi dimostra come non solo moda, auto e food ma anche meccanica e hi-tech made in Italy siano prodotti estremamente apprezzati sui mercati internazionali.

“Obiettivo raggiunto: 516 miliardi di export nel 2021! Con questo risultato, certificato dai dati Istat, abbiamo superato non solo le cifre del 2020, ma anche quelle del 2019, anno del boom – commenta il ministro Luigi Di Maio su Fb – Il nostro impegno ora va avanti forte di questi risultati. 1,5 miliardi di euro l’anno per i prossimi 5 anni a sostegno dell’export è solo l’inizio. Tutti i nostri sforzi andranno nella direzione di superare insieme ogni criticità che possa rallentare questa corsa, dal caro bollette ai costi della logistica. E per questo, ora serve il massimo sforzo da parte di tutti.

L’Italia ha fatto pure meglio di altri grandi Paesi, come Francia e Germania. Voglio ringraziare tutto il personale e il corpo diplomatico del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, per aver creduto fin dal primo momento in un progetto ambizioso come il Patto per l’Export, nato nel momento più buio della crisi e portato avanti anche con il sottosegretario Manlio Di Stefano. Con queste misure, ormai strutturali, abbiamo già messo in campo 5,7 miliardi di euro e creato una vera e propria ‘cassetta degli attrezzi’ per i nostri imprenditori che vogliono esportare le eccellenze italiane, contribuendo così a rafforzare la ripresa economica nel nostro Paese e a creare nuovi posti di lavoro. Alle imprese, ai protagonisti di questa dimostrazione di creatività ed ingegno, va tutto il mio ringraziamento per l’intraprendenza e la professionalità”.

redazione
By redazione Febbraio 18, 2022 12:36