CCNL: ancora una vittoria del pluralismo sindacale

redazione
By redazione Luglio 10, 2020 13:03

Ancora un’importante vittoria per il fronte del pluralismo sindacale. Recentemente, con diversi interventi il Giudice del lavoro di Milano e di Napoli sono ritornati sulla tematica della rappresentatività.
Il giudice del lavoro di Milano con sentenza n. 596 del 28.05.2020 riteneva che l’onere probatorio circa la maggiore rappresentatività dell’associazione sindacale stipulante il CCNL sul quale commisuravano le differenze retributive richieste spettasse al ricorrente, così come l’onere di provare il difetto di rappresentatività dedotto.

In particolare, veniva sancito un assunto di notevole importanza: “la presenza di un contratto collettivo regolarmente applicato dalle parti ESCLUDE la possibilità di applicare in virtù dell’art 36 della Cost. i minimi contrattuali previsti da altro contratto collettivo relativo alla stessa categoria merceologica; la mera circostanza che esita un altro CCNL più favorevole per il lavoratore non può automaticamente portare a ritenere violato il principio di cui all’art. 36 della Cost dal CCNL meno favorevole, in quanto ciascun contratto costituisce parametro per valutare l’adeguatezza della retribuzione.”
La posizione è stata confermata dal Giudice del lavoro di Napoli con sentenza 1717 del 12.05.2020, il quale innanzitutto ribadiva la necessità che l’onere probatorio circa la rappresentatività spetti al ricorrente ed in secondo luogo riteneva di fondamentale importanza, anche ai fini della sussistente rappresentatività, che l’RSA firmatario dell’accordo di prossimità – di cui veniva posta in dubbio la validità – fosse espressione proprio della medesima sigla dell’associazione firmataria dell’accordo.

Questi due nuovi interventi giurisprudenziali e le note prassi, confermano come gli astratti concetti di maggiore rappresentatività portati avanti da anni da alcuni sindacati, stiano ormai lasciando posto ad un pluralismo sindacale espressione di principi costituzionalmente garantiti.
Invitiamo le sedi alla più ampia conoscibilità e promozione dei CCNL sottoscritti dalla nostra confederazione al fine di incoraggiarne l’applicazione da parte delle aziende associate, tenuto conto che gli stessi sono in linea con i principi costituzionali, la normativa e gli orientamenti dei principali organi nazionali.

Per vedere tutti i CCNL sottoscritti visitate la pagina del nostro sito, nella quale troverete anche il relativo codice assegnato dall’INPS da inserire nel flusso UNIEMENS.

redazione
By redazione Luglio 10, 2020 13:03