Banche: gli ultimi dati su sofferenze bancarie e prestiti

redazione
By redazione Marzo 17, 2021 12:21

Secondo il rapporto mensile Abi, le sofferenze bancarie sarebbero scese sotto i 20 miliardi, per la precisione 19,9 miliardi di euro, raggiungendo il livello minimo dal 2009. La riduzione è segnalata rispetto al mese di dicembre 2020 e rispetto a gennaio. Sono in aumento prestiti e depositi, in particolare, a febbraio 2021, i prestiti a imprese e famiglie sono aumentati del 5,1% rispetto a un anno fa così come sono aumentati, nello stesso mese, di oltre 161 miliardi di euro rispetto ad un anno prima (variazione pari a +10,2% su base annuale).

Tale evidenza emerge dalle stime basate sui dati pubblicati dalla Banca d’Italia, relativi ai finanziamenti a imprese e famiglie (calcolati includendo i prestiti cartolarizzati e al netto delle variazioni delle consistenze non connesse con transazioni, ad esempio, variazioni dovute a fluttuazioni del cambio, ad aggiustamenti di valore o a riclassificazioni).

A gennaio 2021, per i prestiti alle imprese si registra un aumento del 7,2% su base annua. L’aumento è del 2,2% per i prestiti alle famiglie. A febbraio 2021 i tassi di interesse sulle operazioni di finanziamento si mantengono su livelli particolarmente bassi, sui minimi storici, e registrano le seguenti dinamiche: il tasso medio sul totale dei prestiti è sceso al 2,24% (2,26% il mese precedente e 6,18% prima della crisi, a fine 2007); il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni è l’1,30% (1,27% a gennaio 2021, 5,72% a fine 2007);  il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese è l’1,10% (1,18% il mese
precedente; 5,48% a fine 2007).

redazione
By redazione Marzo 17, 2021 12:21