ISEE/ISE – indicatore situazione economica equivalente

Il modello ISEE è una modalità di autocertificazione per verificare il diritto d’accesso alle prestazioni assistenziali ed è possibile presentarlo, ad esempio, per prestazioni per il diritto allo studio, per servizi socio sanitari disabili, per servizi minorenni, per  dottorato di ricerca.

 

Le amministrazioni, per fornire i servizi agli utenti, possono richiedere la certificazione ISEE, per avere la conferma che, chi chiede agevolazioni o sgravi, sia effettivamente in una situazione di bisogno. Viene per questo considerata la situazione economica di tutto il nucleo familiare, basandosi sullo stato di famiglia anagrafico e considerando il reddito conseguito da tutti i componenti del nucleo familiare nell’anno precedente la domanda, compreso il patrimonio mobiliare ed immobiliare di tutto il nucleo, al 31 dicembre dell’anno precedente.

 

La certificazione ISEE è valida fino al 15 gennaio dell’anno successivo alla data di rilascio, sempre che non si verifichino delle variazioni, come ad esempio la nascita di un figlio.

 

Le prestazioni collegate al modello ISEE sono:

 

  • Assegno per il nucleo familiare

 

  • Assegno di maternità

 

  • Asili nido ed altri servizi educativi per l’infanzia

 

  • Mense scolastiche

 

  • Prestazioni scolastiche (libri scolastici, borse di studio…)

 

  • Agevolazioni per tasse universitarie

 

  • Prestazioni del diritto allo studio universitario

 

  • Servizi socio sanitari domiciliari

 

  • Servizi socio sanitari diurni, residenziali, ecc…

 

  • Agevolazioni per i servizi di pubblica utilità (luce, telefono, gas)

 

  • Altre prestazioni economiche assistenziali

 

Di seguito i documenti necessari per la presentazione del modello:

DATI ANAGRAFICI

  1. Codice Fiscale (tessera sanitaria) dei componenti il nucleo familiare (per coniuge e figli a carico anche con diversa residenza o residenti all’estero e iscritti all’AIRE);
  2. Documento d’identità in corso di validità (per il solo dichiarante e/o del tutore/rappresentante legale);
  3. Contratto di locazione registrato (se il nucleo risiede in affitto). Per assegnatari di alloggi pubblici anche ultima fattura relativa all’affitto.

REDDITI relativi ai due anni precedenti la compilazione della DSU (se presentata nel 2017 – redditi 2015)

  1. Modello 730/2016 e/o Modello UNICO/2016 (reddito complessivo ai fini Irpef dell’anno 2015);
  2. Modello/i CUD/2016 rilasciato/i dal datore di lavoro e/o dall’Ente pensionistico;
  3. Dichiarazione IRAP (solo per Imprenditori Agricoli);
  4. Certificazione attestante i compensi percepiti per prestazioni occasionali, da lavoro autonomo (es: ritenuta d’acconto, venditori a domicilio, attività sportiva dilettantistica, etc.);
  5. Certificazione relativa ai redditi esenti da imposta (esclusi i trattamenti erogati dall’Inps);
  6. Certificazione/i relativa a trattamenti assistenziali, indennitari, previdenziali non soggetti ad Irpef (esclusi i trattamenti erogati dall’Inps) erogati dalla pubblica amministrazione (es: minimo vitale);
  7. Certificazione relativa ai redditi da lavoro dipendente prodotti all’estero;
  8. Dichiarazione dei redditi per i redditi prodotti all’estero presentata nello stato estero;
  9. Assegni di mantenimento per il coniuge e per i figli corrisposti e/o percepiti.

PATRIMONIO MOBILIARE relativo al 31/12 dell’anno precedente la compilazione dell DSU (se presentata nel 2017 – saldo al 31/12/2016)

  1. Depositi e c/c bancari e postali (saldo al 31/12/2016 e giacenza media annua da richiedere in banca o in posta);
  2. Titoli di stato, obbligazioni, certificati di deposito, buoni fruttiferi (per i quali va assunto il valore nominale);
  3. Azioni o quote di investimento, partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate, partecipazioni azionarie in società non quotate, masse patrimoniali;
  4. Altri strumenti e rapporti finanziari;
  5. Contratti di assicurazione (Per i quali va assunto il valore dei premi versati alla data del 31/12/2016);
  6. Patrimonio netto per le imprese in contabilità ordinaria e valore delle rimanenze finali e del costo dei beni ammortizzabili per le imprese in contabilità semplificata.

Per tutte le tipologie di patrimonio posseduto è necessario indicare:

A. Identificativo Rapporto (Es. codice ABI);

B. C.F. dell’Operatore Finanziario;

C. Data inizio e fine del rapporto finanziario.

PATRIMONIO IMMOBILIARE relativo al 31/12 dell’anno precedente la compilazione della DSU (se presentata nel 2016 – valore ai fini IMU/IVIE al 31/12/2015)

  1. Visure e/o altra certificazione catastale (Atti Notarili di compravendita, dichiarazione di successione, etc.);
  2. Valore delle aree edificabili;
  3. Quota capitale residua del mutuo (certificazione banca e/o piano di ammortamento);
  4. Documentazione attestante il valore ai fini IVIE degli immobili detenuti all’estero.

PORTATORI DI HANDICAP

  1. Certificazione dell’handicap (denominazione ente, numero del documento e data del rilascio).

PER PRESTAZIONI SOCIO-SANITARIE

  1. Retta pagata per il ricovero in strutture residenziali (nell’anno precedente la presentazione della DSU);
  2. Spese pagate per l’assistenza personale (detratte/dedotte nell’ultima dichiarazione dei redditi presentata; non deve essere inserita la spesa per BADANTE/COLF);
  3. Atto notarile di donazione di immobili (solo in caso di richiesta di prestazioni socio-sanitarie residenziali a ciclo continuativo).

AUTOVEICOLI E IMBARCAZIONI di proprietà alla data di presentazione dell DSU

  1. Targa o estremi di registrazione al P.R.A. di autoveicoli e motoveicoli (di cilindrata pari o superiore a 500 cc) per ogni persona del nucleo familiare;
  2. Targa o estremi di registrazione al R.I.D. di navi e imbarcazioni da diporto per ogni persona del nucleo familiare.

Ulteriori documenti eventualmente necessari per l’ISEE sono:

  • Università, Facoltà o Corso di Laurea frequentato, numero di matricola.

Documenti necessari per riduzione del canone Telecom:

  • Ultima bolletta Telecom pagata.

Documenti necessari per Bonus Energia:

  • Ultima bolletta Enel pagata.
Federdat
By Federdat luglio 7, 2015 12:03
Scrivi un commento

Nessun Commento

Ancora Nessun Commento

Non ci sono ancora commenti ma tu puoi essere il primo.

Scrivi un Commento

Solo gli utenti iscritti possono commentare.