Il ritorno dei voucher?

redazione
By redazione agosto 1, 2018 10:39

Il ritorno dei voucher?

Tra le tante novità che saranno introdotte con il decreto dignità, quasi mille in totale, è praticamente certo il ritorno dei tanto discussi voucher, ossia i buoni lavoro per la remunerazione delle prestazioni occasionali. Il leader dei 5 stelle, Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi di Maio ha lasciato intendere che la reintroduzione dello strumento riguarderà solo i settori in cui se ne ravvisa reale necessità. Via libera dunque per i comparti agricoltura e turismo, dove sempre più spesso i datori di lavoro sono costretti a ricorrere a prestazioni stagionali e temporanee. Il ritorno dei voucher non è visto di buon occhio dai sindacati, in particolare da CISL e UIL che, in seguito alle indiscrezioni trapelate dalla maggioranza, hanno manifestato il proprio dissenso. Lo scorso anno fu invece la CGIL a promuovere un referendum per l’abolizione dei voucher sostenendo che moltissime aziende ne avessero fatto uno strumento di incentivo del lavoro nero e sottopagato, trasformando dipendenti irregolari in collaboratori occasionali. Se ben utilizzati e controllati, tuttavia, i voucher, specialmente se indirizzati esclusivamente a giovani studenti, pensionati e disoccupati, potrebbero essere funzionali, consentire copertura contributiva e contro gli infortuni, in particolar modo in quei settori in cui i lavori saltuari sono frequenti. Sul tema è intervenuto anche il Ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio che nel corso dell’assemblea Confagricoltura 2018 a Bruxelles ha ribadito che dopo lo scetticismo iniziale accetterebbe di buon grado “la modifica dello strumento per renderlo più efficiente rispetto al precedente, con l’introduzione del nome del beneficiario e della data” e che il suo obiettivo attuale è quello che  “vengano approvati il più velocemente possibile”.

redazione
By redazione agosto 1, 2018 10:39