Offrire più formazione qualificata ai lavoratori italiani | I dati del 2014

Federdat
By Federdat gennaio 6, 2015 08:51

Rallenta in Italia nel 2014 il calo degli infortuni e delle morti sul lavoro registrato nel 2013 e per le donne lavoratrici l’aggravamento è doppio rispetto agli uomini e se il 2,5% del calo infortunistico è imputabile alla crisi economica e alla riduzione del monte ore lavorate è al Centro-Sud più che al Nord che l’andamento peggiora. L’Open Data dell’Inail mostra come nel periodo primo gennaio-31 ottobre 2014 si siano verificati ben 549mila infortuni con un calo solo di 27mila unità rispetto ai 576mila dello stesso periodo dell’anno precedente. La soluzione è sempre quella di offrire più formazione qualificata ai lavoratori italiani, per far crescere dal basso una cultura della prevenzione che è contraddetta quotidianamente dalla diffusa mancanza di lavoro con contratto regolare.

I maschi lavoratori hanno fatto registrare una riduzione di infortuni del 5,6%, pari esattamente al doppio di quella femminile che è stata del 2,8%. A livello territoriale il calo è risultato più accentuato nel Nord Est e Nord Ovest, mentre nel Centro, Sud e Isole i valori sono inferiori alla media nazionale.
I settori che hanno patito di più la crisi sono quelli in cui gli infortuni sono diminuiti di più: le costruzioni (-19%), i trasporti (-8%), la metallurgia (-7,3%), la metalmeccanica (-9,9%) e l’industria manifatturiera in genere (-7,7).

Ad indossare la maglia nera per l’incidenza della mortalità rispetto alla popolazione lavorativa è la Basilicata (88,9 – contro una media nazionale pari a 30,4), seguita dal Molise (80,4) e dalla Puglia (56,2).

E continua ad essere il settore delle costruzioni quello maggiormente coinvolto dagli incidenti mortali (14,5 per cento dei casi e 99 vittime), seguito dalle attività manifatturiere (12,6 per cento e 86 infortuni mortali) e dai trasporti e magazzinaggi (9,8 per cento e 67 decessi).

Analizzando i dati della classifica provinciale, poi, si scopre che il più elevato numero di vittime viene registrato a Roma (30): al secondo posto Torino (24), al terzo Bari (23). Seguono: Napoli (17), Cuneo (15), Brescia e Salerno (14), Lecce, Palermo, Modena e Milano (13).

Mentre l’incidenza più alta della mortalità rispetto alla popolazione lavorativa a livello provinciale viene registrata ancora una volta da Isernia (182) seguita da Enna (140).

Le donne che hanno perso la vita sul lavoro da gennaio a novembre 2014 sono 40 (5,8 per cento del totale). Gli stranieri deceduti sul lavoro sono 88 pari al 12,9 per cento del totale. Il giovedì e il martedì i giorni della settimana in cui si sono verificati più incidenti mortali. Il 33 per cento delle vittime aveva un’età compresa tra i 45 e i 54 anni (226 lavoratori), il 25,3 per cento dai 55 ai 64 anni (173 lavoratori).

Federdat
By Federdat gennaio 6, 2015 08:51