L’agroalimentare che tira l’economia: il food italiano

Area Comunicazione
By Area Comunicazione giugno 14, 2017 12:02 Updated

Football, Fashion, Ferrari e, ovviamente, Food. In giro per il globo si dice che l’Italia è famosa per le quattro “F”, l’ultima delle quali è, senza dubbio, quella che ci rappresenta di più all’estero. Il food Made in Italy è, da sempre, sinonimo di qualità e garanzia assolute, tanto da aver smosso l’interesse dell’UNESCO che ha promosso la dieta mediterranea patrimonio immateriale dell’Umanità in seguito a studi scientifici che ne hanno riconosciuto prerogative curative e di prevenzione rispetto a patologie cardiovascolari, diabete, obesità e alcune forme di tumore. Per questo, e per tanti altri motivi, ogni anno, nel mondo, un miliardo di persone acquista e consuma prodotti italiani.

Ma che impatto ha, sull’economia del paese, il settore agroalimentare? Ad oggi le esportazioni all’estero superano i 34 miliardi di euro: solo l’Europa assorbe i due terzi delle richieste mondiali, in forte crescita alcuni paesi asiatici come Taiwan, Corea del Sud e Israele. Il food, in Italia, coinvolge circa due milioni di aziende che rappresentano il 9% del PIL: il Bel Paese, inoltre, è ai primi tre posti nel mondo per valore medio unitario di prodotti alimentari scambiati su scala mondiale ed è la nazione con il maggior numero di certificazioni riconosciute dall’Unione Europea con 264 prodotti riconosciuti come DOP o IGP.

Nella crescita esponenziale degli ultimi anni è stata fondamentale la lotta alla contraffazione si è inasprita con un massiccio aumento di controlli alle barriere. Ma in tal senso c’è ancora molto da fare: si stima che solo negli Stati Uniti il 97% delle conserve vendute per Made in Italy rappresentano dei clamorosi falsi. Nelle precedenti edizioni di Corriere Azienda abbiamo approfondito il tema del turismo che torna in gioco anche a proposito di food: circa un terzo del budget dei turisti che visitano il nostro paese, infatti, è destinato al consumo di prodotti Made in Italy. Un’ulteriore dimostrazione di quanto sia importante, per l’Italia, continuare ad investire nel settore agroalimentare.

 

Nello Sorrentino, direttore di Corriere Azienda

Area Comunicazione
By Area Comunicazione giugno 14, 2017 12:02 Updated
Scrivi un commento

Nessun Commento

Ancora Nessun Commento

Non ci sono ancora commenti ma tu puoi essere il primo.

Scrivi un Commento

Solo gli utenti iscritti possono commentare.